FacebookTwitter

chi sono

Rachele Di Bona

Rachele Di Bona

SystemicmindCoach

Ciao!

Sono Rachele e sono molto lieta che tu abbia mostrato interesse per chi sono e per ciò che faccio.

Sono una donna che ha dedicato la sua vita alla crescita, all’analisi e a ottimizzare processi semplici su argomenti complessi che migliorano la qualità di vita dell’essere umano in ogni ambito.

Sono appassionata dell’interazione umana e degli incastri fra personalità in tutte le sue sfumature, del come si creano e mantengono relazioni personali e professionali.

Insieme a questo ho da sempre coltivato una passione viscerale per la musica e per la scrittura che sono diventati parte integrante del mio modo di fare formazione.

Nasco in un piccolo paesino calabrese, Rocca di Neto, a 10 minuti dal mare e 20 dalla montagna, seconda di tre fratelli, figlia di genitori che hanno fatto dell’amore incondizionato il loro lifemotiv e che sono tutt’ora i miei più grandi maestri.

Penso che questo abbia influenzato tantissimo il mio percorso, lo stare “in mezzo” mi ha portato a sviluppare un’abilità empatica fuori dal comune.

Da piccola spesso non riuscivano a trovare la causa del mio pianto: non era fame, non era sete, non dolori o altro….

Si accorsero ben presto che era la musica.
Mia madre era molto preoccupata della mia “ipersensibilità” come la chiama ancora lei.😊

…e invece tutto questo è diventato il mio più grande punto di forza, ciò che mi caratterizza!😉

Da più di 20 anni sono immersa nel mondo della crescita e da più di 10 lavoro con Roberto Re.

Qui ho ottimizzato ancora di più ogni strumento e competenza visto che dirigo la Leadership School in Puglia dove settimanalmente guido le persone ad acquisire le competenze più avanzate nell’ottenimento dei risultati.

Nel corso di questi anni, nell’ottimizzare i risultati dei miei clienti, ho ottimizzato anche i miei e nella giungla del coaching e della consulenza ho creato un mio spazio rivolto prevalentemente a persone e sistemi ( aziende, gruppi, organizzazioni ) che non solo sono interessati a migliorare le proprie performance, non solo vogliono migliorare la loro qualità di vita ma che mettono come priorità il farlo in maniera “ecologica” e sistemica, da qui il mio ruolo di SystemicmindCoach.

Il termine sistemico indica il principio secondo cui quando agisci, decidi, vivi, lo fai seguendo tre semplici regole rispondendo ad altrettante 3 semplici domande:

1- È buono per me?
2- È buono per l’altro?
3- È buono in assoluto?

I tre “SI”rendono il semaforo verde, e la persona pronta a procedere, uno o più “NO” rendono il semaforo rosso, per cui bisogna fermarsi per sistemare le cose prima di procedere in modo tale che il semaforo diventi verde.

Guido chi si affida a me seguendo il principio del “butterfly effect”, ( da qui il mio logo ) principio analizzato per la prima volta nel 1963 da Edward Lorenz per la New York Academy of Science.

Il principio si basa su una singola azione che può determinare imprevedibilmente il futuro
e nella metafora della farfalla si immagina che un semplice movimento di molecole d’aria generato dal battito d’ali dell’insetto possa causare una catena di movimenti di altre molecole fino a scatenare un uragano.

Riportandolo a noi risulta molto semplice come principio:

– Pensa e agisci in modo che le conseguenze generino bene per te, per gli altri e in assoluto.

Ad oggi sempre più aziende e organizzazioni tendono a mettere le persone prima di tutto, per fortuna ci si sta svegliando sotto questo punto di vista, basta pensare a Branson a Cucinelli e a tutti quegli imprenditori che si occupano del benessere di chi lavora per loro e con loro.

Quello che faccio è fornire strumenti di consapevolezza, strategia e azione per generare risultati efficienti e sani.

Ho scritto un libro “La mappa delle personalità” edito da Mondadori, all’interno del quale il processo relazionale la fa da protagonista.

Creare e mantenere interazioni sane è prerogativa di una mente sistemica e, ad oggi, indispensabile per ottenere non solo l’uovo oggi, ma anche la gallina domani.

Ricorda che i fuochi di paglia bruciano si, ma finiscono subito.

Interessati del costruire risultati su basi solide in modo da poter contare su risultati a lunghissimo termine.

PS …amo il mare…

Pin It on Pinterest

Share This