Non tutti i posti a cui ti adatti sono quelli a cui appartieni…

“Si…quando ho aperto la mia azienda non mi aspettavo che fosse tutto così complicato…”

“Senti…non ti sposare , meglio soli che mal accompagnati, se lo avessi saputo prima non mi sarei di certo cacciata in questo guaio.”

“Non è proprio quello che sognavo da bambino ma, ormai, mi accontento, meglio questo che niente…”

Quante di queste frasi o simili, sono o sono state sulla tua bocca o di persone molto vicine a te?

Siamo abituati a rinunciare troppo facilmente ai nostri “motivi”.

Parlo appositamente di “motivi” e non di sogni, perché sono proprio le cose per cui siamo nati, quelle che ci muovono, che ci mantengono in movimento ( in moto ), il nostro motore.

È un vero peccato rinunciare, accontentarsi e farsi andare bene qualcosa che è inferiore a ciò che meriti, ma non dipende da altri, solo da te!

Il momento storico che stiamo vivendo di certo non è dei più magnanimi, né semplici per la realizzazione di se stessi, al contempo sono tempi pieni di opportunità e la velocità a cui siamo sottoposti, permette anche di cambiare le cose molto velocemente.

Ecco perché non bisogna rinunciare né accontentarsi fino a che l’idea che avevi della tua vita non combacerà con la realtà…

” hai disegnato a colori,

il mondo che hai immaginato,

te ne vai in giro a fare tentativi”

finché non avran combaciato”

…dice Lorenzo e…

non è solo una canzone.

Non ti accontentare di nulla che non sia all’altezza di CHI SEI perché il rischio che corri è davvero grande…

Rischi di adattarti talmente tanto bene da non riconoscere più che il posto dove stai non è il tuo, non è quello che avresti scelto, non coincide col motivo per cui sei nato…

Rischi di svegliarti troppo tardi per avere il tempo di correre ai ripari.

Rischi di vivere la vita che non era destinata a te e per questo vivere a metà.

Proprio per questo fatti una domanda e rispondi sinceramente.

La vita che stai vivendo corrisponde a quella che avevi immaginato?

…e non vuol dire che se da piccolo immaginavi di fare il poliziotto ed ora fai l’avvocato la risposta è no perché, se da piccolo volevi fare il poliziotto per proteggere i più deboli ed oggi adempi a quello stesso intento da avvocato allora la risposta è sì…

Se da piccola immaginavi di  fare la cantante perché volevi emozionare gli altri ed oggi fai la l’attrice con lo stesso intento allora la risposta è sì!

Come vedi la domanda non presuppone risposte superficiali o scontate ma richiede una risposta vera, trasparente e in linea con te, con la tua natura, con CHI SEI.

Una volta trovata la risposta abbi il coraggio di INCARNARLA…

Questo è l’unico modo per rendere grazie alla tua meravigliosa Vita!

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Share This