FacebookTwitter

Io non ti avevo detto di non soffiare…

in Leadership, Punti di vista

C’era una volta un serpente che viveva nella strada principale della città. Era solito mordere tantissima gente. Un giorno un santo andò a vivere nella stessa strada. Il serpente avrebbe voluto mordere anche lui, ma quando vide il santo non lo poté fare perché costui stava nello stato di non-violenza e quando una persona è stabilizzata in questo stato, nessuno può mai essere violento in sua presenza. Il santo visse lì per un po’ e dette insegnamenti al serpente finché questi non si sentì ispirato a smettere di mordere la gente. Poi il santo lo benedì e se ne andò. L’anno successivo, il santo tornò. Questa volta vide che il serpente era in uno stato terribile. Aveva i muscoli a pezzi e la coda attorcigliata. Tutti i bambini del vicinato, gli avevano tirato la coda e buttato sassi, tanto che il serpente era ormai mezzo morto. Quando il santo vide in che condizioni si...

L’anello e la stima

in Atteggiamento Mentale, Leadership

Un giorno, non importa quando, non importa dove, un discepolo andò dal suo Maestro con un problema: “Mi sento una nullità, non ho la forza di reagire. Dicono che sono un buono a nulla, che non faccio niente bene, che sono un idiota. Come posso migliorare? Che posso fare perché mi stimino di più?” Il Maestro senza guardarlo rispose: “Mi spiace ma ora non posso aiutarti. Devo prima risolvere un problema mio. Poi, forse.” E facendo una pausa aggiunse: “Se mi aiuti, posso risolvere il mio problema più rapidamente e poi forse posso aiutarti a risolvere il tuo…” “Certo, Maestro!”, rispose il discepolo, ma ancora una volta si sentì mortificato. Il Maestro si tolse un anello dal mignolo e lo diede al discepolo: “Monta a cavallo e va al mercato. Devi vendere questo anello perché devo pagare un debito. Occorre ricavarne il più...

La vita è un gioco di “squadra”

in Atteggiamento Mentale, Leadership

Chi vive nell’illusione che il suo sia l’unico punto di vista possibile, che le cose come le fa lui non le fa nessuno, che sia indispensabile perché senza di lui le cose andrebbero alla rovina, ecc… beh… mi spiace dare questa cattiva notizia ma…: C’è tanto, tanto altro oltre a te… 😓 La vita è un GIOCO di SQUADRA, eh già… Una squadra composta da singoli individui ed è proprio questa singolarità, questa unicità che arricchisce il gruppo. Sottovalutare questo principio di base è uno dei motivi per cui tanti team o famiglie o amicizie si sfaldano, proprio perché si tende ad ammazzare l’unicità a favore dell’omologazione, dell’imitazione… Ogni individuo porta con sé una quantità infinita di meraviglie e, ognuno è più bravo, più portato, più talentoso di un altro in qualche cosa. E’ il mettere insieme che crea grandezza. …ma se invece di mettere insieme...

“VEDERE” l’altro arricchisce te stesso…

in Leadership

Alle volte non ci si rende conto di quanta differenza possiamo fare nella vita degli altri semplicemente “guardando oltre”… Sono particolarmente affezionata alla storia che segue, perché fin dalla prima volta che mi capitò sotto gli occhi mi colpì tantissimo per la sua semplicità e allo stesso tempo profondità e mi commosse molto proprio per l’impatto che possiamo avere sugli altri e viceversa… A volte basta davvero poco, quel poco che segna profondamente la vita delle persone. Teddy e Mrs. Thompson Si chiamava Mrs. Thompson. In piedi davanti alla sua classe del quinto anno il primo giorno di scuola, disse una bugia ai bambini. Come la maggior parte degli insegnanti, guardò gli studenti e disse loro di amarli tutti alla stessa maniera. Ad ogni modo, quanto aveva appena affermato non era possibile, perché in prima fila, tutto scomposto nel banco, era seduto...

Sei qualificato per realizzare i tuoi sogni?

in Atteggiamento Mentale, Leadership

Siamo sempre più categorizzati tra coloro che realizzano i propri sogni e coloro invece che non ce la fanno. I più a dire il vero si rassegnano a far parte della seconda categoria suddivisa a sua volta tra quelli che neanche ci provano, ( e questi li lasciamo stare ), quelli che dopo un pò rinunciano ( e anche qui troppa fatica… ) e quelli che continuano ad arrancare, provare e riprovare, sbatterci la testa più e più volte senza arrivare mai alla agognata meta… Allora, lasciamo i vincitori lì sul podio per un attimo e occupiamoci di quest’ultimo ramo della seconda categoria. Le prime due infatti si classificano da sole, la terza invece no… Qui c’è gente che fa, che ha fame, che ha sogni e fino a che ci sono i sogni si è vivi e per questo si può accedere ancora a tutto il potenziale… Allora, dove sta il problema? Quest’anno nel fare il mio...

FRAGILE: maneggiare con cura!

in Leadership

  Gestire una Squadra oggi è come giocare a calcio in un negozio di cristalli preziosi…😱😱😱 Quando parlo di squadra mi riferisco prevalentemente a gruppi di lavoro, ma lo stesso discorso si può estendere a relazioni di ogni tipo. Chi lavora in team sa che non è facile il confronto né tantomeno trovarsi d’accordo su decisioni, scelte, direzioni. Chi gestisce il team invece, è colui che ha il ruolo più impegnativo di tutti. È spesso preso di mira per errori commessi, perché da più spazio ad uno più che ad un altro, perché le sue strategie a volte sono sbagliate, perché non da le indicazioni nella modalità più desiderabile eppure…. Eppure chi gestisce il team, il Leader del caso è colui che più di tutti ( se è un Leader vero) sente la responsabilità sulle sue spalle. Sperimenta modi nuovi per efficientare il lavoro di tutti. I tempi che corrono non sono dei più...

Pin It on Pinterest