FacebookTwitter

Stai agendo in base agli standard che hai o in base agli standard che vorresti?

in Atteggiamento Mentale, Punti di vista

Oramai parlare di standard è diventata cosa comune come bere un bicchier d’acqua, ma tra il dire e il fare… Mi imbatto sempre più spesso in persone che SANNO molte cose su come fare per ottenere e sempre meno in persone DISPOSTE a fare per ottenere. Nell’era di internet in cui tutto è a portata di click è facilissimo accedere a qualsiasi tipo di informazione e questa è una benedizione da un certo punto di vista. D’altro canto, come tutte le cose troppo alla portata, quell’informazione rischia di perdere il suo reale valore e di diventare “droga”, di riempire d’illusione chi vi accede. Ci si lamenta spesso del fatto che i ragazzi di oggi, nella maggior parte dei casi, hanno tutto troppo alla portata, non sono abituati al sacrificio perché, bene o male, si fa in modo di non far mancare nulla e… questo cosa sta generando? Nuove generazioni senza sogni, senza pazienza, senza progetti o,...

Da quanto è che non rimetti tutto in discussione?

in Punti di vista

Ogni tanto, come per tutte le cose, è necessario fermarsi, rimettere tutte le carte in tavola, mescolarle e dar loro un nuovo ordine… Nel fare questo le carte possono tornare al loro posto, cambiare collocazione o addirittura essere messe da parte se questo lavoro lo si fa con coscienza, buonsenso e soprattutto con libertà… Da quanto è che non fai un lavoro del genere? Il “fare” tende ad assorbirci completamente portandoci in una illusione di vita che non è LA vita vera, ma una sorta di ipnosi. Ecco perché oggi più che mai è di vitale importanza fermarsi. Attenzione, perché già sento le voci della maggior parte delle persone che dicono: “si infatti io lo faccio”… ma bisogna vedere come è soprattutto qual è diventato il tuo parametro di revisione. Revisiono in base alle convenzioni o revisiono in base a CHI sono, a CHI sono diventato, a ciò che...

Il potere della gentilezza

in Punti di vista

Quando si parla di gentilezza il rischio che si corre è doppio: da un lato rischi di perdere tutte quelle persone che “non devono chiedere mai” proiettate costantemente sul risultato, quelle persone come dire, che hanno come Focus principale solo il “successo” perché pensano che la gentilezza sia cosa da donne, da peace and love, da buonisti. …dall’altro rischi di diventare il paladino dei “peace and love” (quelli di sole parole non di fatti), di coloro che stanno più con la testa fra le nuvole che altro, di quelli che campano di teorie, di frasi fatte, di “crescita personale e spirituale” (fittizia) e che utilizzano ogni cosa come esca per sparare a zero su chi non la pensa come loro. Quindi…onde evitare rischi e pericoli di questo genere, chiarisco bene cosa intendo per gentilezza. La gentilezza di cui parlo io non è...

Halleluja

in Collegamenti Musicali, Rubriche

Almeno una volta nella vita tutti hanno ascoltato questa canzone e sono rimasti colpiti dall’emozione che suscita… Decine le versioni e ultimamente, con la morte del suo immenso autore e poeta Leonard Cohen, sono aumentate notevolmente. E’ un testo del 1984 e fin dal suo esordio ha subìto tantissime variazioni dall’autore stesso tanto che non le può essere attribuito un significato specifico e univoco visto che Cohen ha scritto oltre 80 strofe per questa canzone… Comunque sia, diciamo che la prima versione riprende alcuni passi religioni, nelle versioni successive il testo si riempie di allusioni erotiche, sentimenti contrastanti, ribellioni, violenze, ecc…. “Questo mondo è pieno di conflitti e pieno di cose che non possono essere unite ma ci sono momenti nei quali possiamo trascendere il sistema dualistico e riunirci e abbracciare tutto il disordine, questo è quello che io intendo per...

Mangia prega ama

in Al Cinema col Coach, Rubriche

Le opinioni su questo film sono controverse, la critica lo ha stroncato, ma come già detto , questo è uno dei motivi che mi spinge a guardare ciò che la convenzione scarta…😉 Questo film del 2010 lo amo molto perché, al di là della storia molto bella, un viaggio di ricerca, è l’atmosfera che respiro al solo ricordo del film che più mi appassiona. La colonna sonora, i posti, le motivazioni, il viaggio… La trama è davvero semplice: una scrittrice newyorkese, sposata con un professionista, con una bellissima casa, una bellissima vita (all’apparenza)… che all’improvviso si “sveglia” e si accorge di aver costruito minuziosamente  una vita non sua, che non le appartiene. Da qui parte il viaggio verso se stessa… Dal “risveglio” appaiono le prime difficoltà di chiunque abbia sperimentato un’esperienza simile e cioè…comunicare la...

Pin It on Pinterest